Archivi tag: equilibrio

perfezione o Perfezione?


Dedico questo articolo a te, amante della perfezione, che cerchi di nascondere o più radicalmente combattere ogni tuo difetto, e di riflesso lo dedico primariamente a me, che proietto all’esterno le mie dinamiche interiori, riprendendo concetti già espressi in un articolo precedente per declinarli sotto nuova luce.

La mia idea di perfezione è ben rappresentata da un campo appena arato (a proposito di uscire dal solco), mentre l’imperfezione è lo stesso campo invaso da erbacce infestanti.

Dopo aver visionato un illuminante video sulla permacoltura, ho compreso che quelle che pensavo fossero erbe dannose in realtà altro non sono che la sana reazione del terreno volta a ripristinare gli equilibri perduti.

Arare un terreno, scavando via lo strato erboso superficiale, è un po’ come togliere uno strato di pelle ad un essere vivente. Che succede quando si produce un’escoriazione? L’intelligenza dell’organismo si attiva per ripristinare la protezione perduta, al fine di evitare pericolose infezioni.

La funzione delle cosiddette erbe infestanti è proprio quella: creare uno stato protettivo che permetta ai microorganismi del terreno (al corpo di Gaia) di sopravvivere. Quella che io pensavo fosse un’imperfezione faceva invece parte di una Perfezione di ordine superiore, il primo passo per portare a un’evoluzione progressiva che vede il bosco come punto di arrivo: nessuna erba infestante, il terreno ricoperto da uno spesso strado di humus, alberi rigogliosi che proteggono il suolo così come un villoso strato di pelle abbronzata protegge dalle scottature. Ti è mai capitato, camminando nel bosco, di sentirti come una pulce sul corpo di un cane gigantesco?

Questo ragionamento mi porta diretto alle mie, di imperfezioni: sono forse il tentativo della mia intelligenza organismica di ripristinare equilibri perduti? Qual è il loro significato profondo, l’Ordine superiore sotteso ad un apparente disordine? Combattere i miei difetti (o più propriamente gli aspetti di me che reputo tali) non finirà con l’esacerbare la situazione?

Se parto dal presupposto che sono la versione migliore di me, date le circostanze ambientali a cui mi sono dovuto adeguare, il concetto di difetto si snatura completamente.

La domanda diventa dunque: qual è il bisogno profondo a cui ciò che chiamo imperfezione sta rispondendo alla perfezione?

L’omeostato


Quel muro andrebbe abbattuto; separa due stanze troppo piccole, inutilizzabili; rimuovendolo, invece, si ricaverebbe una camera da letto molto spaziosa.

Occorre però spostare tutti i mobili, da qualche parte bisogna pur metterli. L’idea della polvere che normalmente accompagna l’operato dei muratori assetati di distruzione, poi, mi terrorizza. E poi ci sarà da ridipingere le pareti. Odio dipingere le pareti! Senza contare che, lavori a parte, il cambio di destinazione di quelle due stanze mi costringerebbe a cascata a ridisegnare il layout dell’intera casa.

Insomma, che situazione complicata: lo status quo non mi soddisfa, immagino che a lavori ultimati starei molto meglio, ma la prospettiva di attraversare la fase destabilizzante della ristrutturazione mi blocca in una situazione di stallo.

Vorrei cambiare, ma non posso. Cosa mi frena in definitiva? Da dove nasce la mia paura del cambiamento? Posso individuare un motivo più fondamentale sotteso alle mie dinamiche più o meno inconsce?

Per quanto mi riguarda, direi di sì. Non sono le paure di soffrire, di faticare o di sbagliare a frenarmi, ma qualcosa di più fondamentale: in quanto essere biologico sono un sistema omeostatico, un sistema che tende al raggiungimento dell’equilibrio e al suo mantenimento. Per questo mi è così difficile cambiare: per farlo bisogna abbandonare la situazione di equilibrio (che si potrebbe altrimenti definire zona di comfort), attraversare una fastidiosissima e per nulla desiderata fase di sbilanciamento, per poi raggiungerne un’altra.

Non so se c’è, ma mi convinco che c’è, ci dev’essere per forza… chissà come sarà poi? Migliore o peggiore di quello attuale? E non mi rendo conto che in fondo non importa nulla, perché quello che alla fine più interessa alla mia macchina biologica non è stare bene, ma stare in equilibrio senza troppi sforzi. Non accetterei mai il nirvana a condizione di stare perennemente su una corda tesa e dieci metri da terra.

Perché come forse saprai l’equilibrio può essere stabile, instabile o indifferente: nelle specie di primo tipo lo stato del sistema tende a ritornare al punto di partenza, e può essere necessario applicare una forza molto grande per discostarsene definitivamente.

equilibrio

equlibrio

E siccome, ahimé, sono una persona assai equilibrata, mi trovo in svariate situazioni di vita in questa condizione. E conosco tante, troppe persone come me, che rimangono in situazioni scomode, talvolta foriere di sofferenza, ma dotate a loro modo di un marcato equilibrio e pertanto difficili da abbandonare.

Estremizzando provocatoriamente (ma non troppo), anche lo stato di chi subisce quotidianamente violenza (fisica o psicologica che sia), a ben analizzarlo, può rappresentare una condizione di equilibrio stabile, che si può raggiungere anche solo per reiterazione, una ripetizione che scava quel solco profondo, che chiamiamo abitudine, dal quale difficilmente la pallina riesce ad allontanarsi.